Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di piu` o negare il consenso clicca su 'Maggiori informazioni'.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su 'Accetto' acconsenti all`uso dei cookie.
user_mobilelogo

Cresce l’attenzione ai prodotti ad alto valore aggiunto in termini sociali, ambientali ed etici. Premiato chi tutela i dipendenti, l’utilizzo di materie prime italiane, il rapporto con il territorio, il rispetto della natura e la chiarezza delle etichette. Tra le centinaia di iniziative che hanno animato il Festival dello Sviluppo Sostenibile quest’anno non ci sono stati solo convegni, seminari o incontri di studio e riflessione. Una delle esperienze più interessanti è stata messa in campo, in sinergia con Asvis (l’Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile) che promuove il Festival, grazie alla collaborazione tra Ancc-Coop (l’Associazione Nazionale delle Cooperative di Consumatori) e NeXt (la rete nata allo scopo di promuovere una Nuova Economia per Tutti).

In 37 punti vendita delle Coop, distribuiti su tutto il territorio nazionale, per due giorni si è dato vita ad altrettanti Cash Mob Etici: sono stati distribuiti questionari sugli stili di vita e di consumo, allestiti espositori e segnaletica dedicata e sollecitata la massima attenzione a prodotti a alto valore aggiunto in termini sociali, ambientali ed etici come i prodotti “ViviVerde” bio, quelli di Libera Terra realizzati grazie alla coltivazione dei terreni confiscati alle mafie, e i prodotti Solidal del commercio equo e solidale garantiti dal marchio internazionale Fairtrade. Oltre diecimila cittadini sono stati coinvolti nella mobilitazione e più di duemila i questionari compilati e raccolti con l’obiettivo di sensibilizzare tutti i partecipanti nei confronti di quei prodotti che manifestano quelle caratteristiche di sostenibilità indicate dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.. I risultati si sono rivelati di grande interesse e hanno registrato un aumento delle vendite del 18% di quei prodotti che rispondono a requisiti di sostenibilità ambientale, economica e sociale. Anche i questionari raccolti hanno fornito spunti interessanti dimostrando una disponibilità ed una attenzione nei confronti del cosiddetto “voto col portafoglio”: circa il 54% in media degli intervistati (con punte che hanno anche sfiorato il 60%) si è dichiarato disponibile a pagare qualcosa di più quando il prodotto acquistato garantisce la tutela dei diritti umani dei dipendenti, se si utilizzano solo materie prime italiane, se l’impresa è radicata nel territorio, se il prodotto è rispettoso dell’ambiente e le informazioni che lo riguardano sono chiare, dettagliate e precise.. Il Cash Mob Etico, esperienza nata negli Stati Uniti negli anni della crisi per sostenere le imprese e l’economia locale in difficoltà attraverso gli acquisti realizzati dalle comunità e importata e fatta propria in Italia da NeXt, si conferma così come uno strumento in grado di semplificare le informazioni sulla sostenibilità delle aziende e delle loro filiere e al tempo stesso di adattare gli Obiettivi dell’Agenda 2030 a strategie e comportamenti concreti e proprio per questo Ancc-Coop ha dichiarato di voler continuare anche nei prossimi anni con questa esperienza..  Sfida immediatamente raccolta da Asvis e NeXt che, attraverso i rispettivi portavoce Enrico Giovannini e Leonardo Becchetti, hanno rilanciato chiedendosi “e se i giovani dei Fridays for Future, che si sono mobilitati in tutto il mondo per chiedere agli adulti e alle istituzioni di 'non rubargli il futuro' e di costruire un domani sostenibile per il pianeta, coinvolgessero le proprie famiglie in Saturdays for Future, dedicati a cambiare le abitudini di spesa? Se, cioè, il sabato, il giorno successivo alla mobilitazione, quando oltre la metà delle persone fa abitualmente la spesa settimanale, si trasformasse per tutti nel giorno del 'voto con il portafoglio' a favore della sostenibilità ambientale e sociale?”. Il primo possibile appuntamento il prossimo settembre con l’obbiettivo, attraverso iniziative come queste, di spingere i mercati e le imprese ad accelerare la transizione verso la sostenibilità, rendendo l’impegno per l’ambiente e il rispetto dei diritti dei lavoratori e delle comunità in cui esse operano, oltre che eticamente doveroso, anche economicamente conveniente.