Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di piu` o negare il consenso clicca su 'Maggiori informazioni'.
Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su 'Accetto' acconsenti all`uso dei cookie.
user_mobilelogo

 

Se la lotta globale contro il Covid-19 ha chiarito una cosa, è la completa dipendenza della società dai lavoratori essenziali e dai rischi connessi a queste professioni. Oltre agli operatori sanitari e sanitari che hanno giustamente ricevuto un ampio riconoscimento durante la crisi, i lavoratori nei settori dei rifiuti e delle acque reflue sono stati essenziali per la sicurezza pubblica e il funzionamento continuo delle nostre comunità. Ora, come è avvenuto nel corso della storia, una buona igiene può letteralmente essere una questione di vita o di morte. L’eradicazione di malattie come il colera si è basata sui progressi nei servizi igienico-sanitari tanto quanto sui progressi nella medicina. Covid-19 non è diverso. È stato dimostrato che SARS-CoV-2 può essere trasmesso sia dai rifiuti che dalle acque reflue. Non solo una buona gestione dei rifiuti è quindi la chiave per fermare la diffusione del virus, ma le acque reflue possono anche essere utilizzate per tracciare il coronavirus e creare allarmi precoci per nuove ondate di Covid-19. Sebbene spesso percepito come poco affascinante, il ruolo cruciale dei lavoratori del settore dei rifiuti nella società si estende oltre i servizi igienici e lo smaltimento dei rifiuti. Una crisi più a lungo termine e probabilmente più grande che stiamo affrontando è quella del cambiamento climatico.Man mano che i governi di tutto il mondo si rendono conto della necessità di passare da un modello economico lineare di estrazione-consumo-rifiuti a un’economia circolare più sostenibile, incentrata sui principi di riciclaggio, riutilizzo, rifacimento, condivisione, la nostra dipendenza dal settore dei rifiuti non farà che aumentare . La Commissione europea ha definito i suoi piani per l’economia circolare dell’Unione europea nel Piano d’azione per l’economia circolare 2020 . Data la fondamentale importanza della gestione dei rifiuti per questo nuovo modello sostenibile, è sorprendente che il piano non citi i lavoratori da cui dipende. Ma nonostante siano così fondamentali per la società, i lavoratori del settore dei rifiuti sono raramente considerati o considerati nelle politiche. Ciò è reso evidente in modo inquietante quando si guarda più da vicino alle condizioni in cui lavorano e alle difficoltà che devono affrontare. Una parte fondamentale dell’economia circolare sta cambiando il modo in cui vengono gestiti i rifiuti solidi e urbani e la Commissione europea ha fissato un obiettivo ambizioso per tutti gli Stati membri dell’UE di riciclare il 65% dei rifiuti urbani entro il 2035. Eppure i rischi per la salute e la sicurezza coinvolti nella raccolta dei rifiuti solidi sono gravi, come è stato reso drammaticamente chiaro dalla morte di tre lavoratori nel settore dei rifiuti solidi in Europa nel febbraio 2020. A Montalvo, in Portogallo, un addetto alla raccolta dei rifiuti solidi è deceduto dopo essere caduto dal camion di raccolta, un comune incidente sul lavoro che non è stato affrontato dalle normative in materia di salute e sicurezza nonostante le conseguenze potenzialmente fatali. Gli altri due decessi sono avvenuti a Zaldibar, nella regione basca della Spagna. Quasi mezzo milione di tonnellate di rifiuti industriali nella discarica della Verter Recycling Company sono crollati, seppellendo i due lavoratori. Il corpo di Alberto Sololuze è stato ritrovato sei mesi dopo. Il corpo del suo collega Joaquín Beltrán non è stato ancora recuperato. Questi tragici eventi dimostrano l’urgenza di attuare politiche e normative per regolamentare gli standard di salute e sicurezza nella gestione dei rifiuti solidi.ì La situazione nel settore delle acque reflue è altrettanto desolante. I vantaggi delle attività di riutilizzo dell’acqua per l’economia circolare sono evidenti: le acque reflue trattate possono essere riutilizzate nei settori agricolo e alimentare e i fanghi di depurazione possono essere riutilizzati come fertilizzanti. Ma ancora una volta, poca attenzione è stata prestata alla salute e alla sicurezza. La ricerca ha dimostrato che l’utilizzo di acque reflue trattate in agricoltura può anche portare a malattie gravi come diarrea, infezioni della pelle, infezioni parassitarie e infezioni batteriche. Per i lavoratori delle fognature, l’elevata esposizione ad agenti biologici pericolosi può causare seri problemi di salute. Come ha commentato Jan Willem Goudriaan, segretario generale dei sindacati dei servizi pubblici europei (FSESP): “La progettazione dell’economia circolare non può essere basata solo su criteri ambientali. Deve dare la priorità a posti di lavoro di qualità che garantiscano i necessari standard di salute e sicurezza. Un modello in cui la vita e il benessere dei lavoratori sono così a rischio è tutt’altro che sostenibile “. l ruolo dei sindacatiUn recente rapporto commissionato dalla FSESP rende visibili i diversi lavori nel settore dei rifiuti, che di solito sono svolti da gruppi di lavoratori vulnerabili ed emarginati, che ricevono bassi salari e pochi diritti occupazionali, nonostante le terribili condizioni di lavoro e i rischi per la salute e la sicurezza che devono affrontare. In Belgio e nel Regno Unito, ad esempio, la ricerca ha dimostrato che il lavoro negli impianti di recupero dei materiali (dove viene smistato il riciclaggio domestico) è “un lavoro di produzione duro e sporco, il tipo di lavoro in catena di montaggio a bassa retribuzione che in gran parte è scomparso dall’Europa settentrionale e occidentale con la fuga di capitali manifatturieri in Asia ”. I lavoratori, per lo più migranti, lavorano spesso in uno spazio ristretto per più di otto ore al giorno, con pochissime pause, solitamente per il salario minimo. Il rapporto della FSESP dimostra la necessità che il lavoro nel settore dei rifiuti sia reso visibile e formale, in modo che i lavoratori possano essere adeguatamente retribuiti secondo i contratti collettivi e la loro salute e sicurezza siano protette. Ciò è particolarmente importante data l’attuale crisi sanitaria, che si è aggiunta ai rischi per la salute e la sicurezza. Sebbene i lavoratori del settore dei rifiuti siano altamente esposti a rifiuti e acque reflue contaminati da coronavirus, molti paesi sono stati lenti nel riconoscere i rischi di contaminazione e nel fornire dispositivi di protezione individuale (DPI) adeguati. I sindacati hanno un ruolo importante da svolgere nel riunire i lavoratori formali e informali nel settore dei rifiuti per garantire condizioni di lavoro migliori e più sicure nell’espansione delle attività dell’economia circolare. Ciò è stato fatto a Parigi, dove è stato sviluppato un sistema di supporto tra autorità pubbliche, lavoratori formali e riciclatori di rifiuti informali. Il modo migliore per garantire posti di lavoro sicuri e creare equità sia per i lavoratori che per le aziende è attraverso la contrattazione collettiva, come ha riconosciuto la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen nel suo recente discorso sullo stato dell’Unione . Solo nell’ultimo anno, un certo numero di sindacati del servizio pubblico nell’UE sono riusciti a negoziare contratti collettivi con i datori di lavoro, con conseguenti aumenti salariali e migliori condizioni di lavoro.  A febbraio, ad esempio, il sindacato FNV nei Paesi Bassi ha negoziato un accordo di 12 mesi che copre circa 7.000 lavoratori nel settore del trattamento dei rifiuti. L’accordo prevedeva un aumento salariale del 3,75% insieme a un pagamento una tantum di 125 €. Inoltre, a 200 lavoratori con contratti flessibili sono stati offerti posti di lavoro a tempo indeterminato. In un mondo in cui molti datori di lavoro cercano di aggirare le normative, anche i sindacati sono fondamentali per far rispettare gli standard di salute e sicurezza. Secondo il rapporto della FSESP, le società gestite pubblicamente con rappresentanza sindacale sono generalmente ritenute conformi alle norme in materia di salute e sicurezza, mentre nelle aziende private più piccole, dove di solito non c’è rappresentanza sindacale, le norme in materia di salute e sicurezza vengono spesso ignorate. La transizione all’economia circolare può aprire una serie di possibilità di guadagno finanziario, ma il profitto è spesso incompatibile con gli obiettivi di sostenibilità e i diritti dei lavoratori. Il nostro report del 2017 Waste Management in Europe sfata la percezione che efficienza e risparmio sui costi siano sinonimi, quando in realtà sono fondamentalmente diversi: “costi inferiori possono semplicemente significare un servizio inferiore o condizioni peggiori per i lavoratori che forniscono questi servizi”, come afferma il rapporto . Fornisce diversi esempi che dimostrano che, contrariamente all’opinione popolare, la privatizzazione non aumenta l’efficienza. La concorrenza tra i vari fornitori privati ​​di trattamento dei rifiuti si traduce invece in una gestione inefficace dei rifiuti, promuove un bisogno continuo di rifiuti e mette in pericolo la vita dei lavoratori. Per lo sviluppo dell’economia circolare, le aziende pubbliche che mettono le persone al primo posto forniscono un’alternativa interessante. L’economia circolare è senza dubbio cruciale in un mondo di risorse limitate. Ma non può essere lasciato alle aziende private e ai mercati da sfruttare. Le istituzioni dell’UE e i governi nazionali devono applicare rigide normative in materia di salute e sicurezza per garantire che i lavoratori e l’ambiente abbiano la priorità sul profitto.